Registrati     Accedi    
vacanze
Belgio, Gand

Giovane, elegante e romantica

Giovane, elegante e romantica 0
Giovane, elegante e romantica 1
Giovane, elegante e romantica 2
Giovane, elegante e romantica 0
Giovane, elegante e romantica 1
Giovane, elegante e romantica 2
Amo molto il Belgio: sarà per le sue cittadine medioevali tutte facili da girare a piedi o in bici, sarà per i suggestivi scorci naturali o per le immense distese di fiori, per gli edifici pittoreschi e colorati che si riflettono nei numerosi canali, per i tramonti romantici o per quell’atmosfera giovanile e cosmopolita che caratterizza questo Paese.

Sta di fatto che, ogni volta che posso, cerco di organizzare un week end in una delle tante città belghe, in particolare, prediligendo la zona delle Fiandre.

Qui, infatti, arte, natura, cultura e gastronomia rendono ogni volta il mio soggiorno un’esperienza davvero indimenticabile. Così è stato anche per il mio recente week end a “Gand” (in francese), o “Gent” (in olandese).

Delizioso borgo medioevale affacciato sulle rive del fiume Lys, Gand è una città universitaria per eccellenza, popolata da oltre 60.000 studenti provenienti da tutto il mondo. Questo multiculturalismo si riflette nell’intesa vita artistica, sociale e culturale della città: ogni giorno vi sono mostre, manifestazioni, eventi o concerti.

Pur essendo un centro vitale e vivace, Gand è, al contempo, un luogo estremamente vivibile e tranquillo dove è bello passeggiare a piedi o in bici perdendosi nelle pittoresche viuzze e dove è piacevole rilassarsi degustando dell’ottima birra accompagnata da cioccolatini o waffle mentre si ammira il sole che tramonta sulle acque dei canali.

Per prima cosa vi suggerisco di fare una passeggiata lungo le due sponde del fiume: dalla riva Graslei (Riva delle Erbe) potrete ammirare ilcentro storico mentre, dalla riva Korenlei (Riva del Grano), potrete scorgere alcune delle dimore e dei ponti più belli della città, come il Ponte San Michele, sovrastato dall’omonima chiesa in stile tardo gotico da cui si può godere di una vista panoramica su tutta la città.

Volendo, potete fare anche una gita in battello, magari al tramonto, godendo appieno dell’atmosfera incantata e romantica del sole che si tuffa nelle acque del fiume.

La maggior parte delle gite in barca parte dalle storiche banchine del Graslei e Korenlei che offrono degli scorci perfetti per fare qualche bella foto.

Il lungo fiume è inoltre costellato di locali e caffè all’aperto dove potrete assaggiare alcuni dei piatti tradizionali a base di carne stufata accompagnati dall’ottima birra locale (Stella Artois e Maes sono le marche più diffuse).

Se volete provare un pub molto particolare, vi suggerisco il Dulle Griet che propone oltre 250 tipi diversi di birra. La curiosità del posto, è che, chi sceglie di degustare la pregiata birra kwak, deve depositare una scarpa in una cesta come pegno per la restituzione del calice in cui viene servita questa birra. Un’esperienza davvero da provare!

Se invece il vostro debole sono i dolci, allora dovete assaggiare i deliziosi cioccolatini (ce ne sono di tutti i tipi) oppure i cuberdons, dei coni con un cuore di gelatina.

Dopo aver preso confidenza con la città guardandola dalle rive del fiume, potete addentrarvi nel suo centro storico. Qui, da non perdere, il “Gravensteen” (Castello dei Conti), un castello del XII secolo che conserva perfettamente intatti il ponte levatoio e le mura di cinta da cui si gode un panorama unico su tutta la città.

Proseguendo, sempre a piedi o in bici, potrete raggiungere facilmente il Koren Markt al cui centro svetta la Chiesa di San Nicola, considerata il più importante esempio di stile gotico del Belgio.

Mi è piaciuto moltissimo anche lo “Stadhuis”, ossia il Municipio, con le sue due facciate, una in stile gotico-fiammingo e l’altra in stile rinascimentale.

Da non perdere anche Piazza San Bavone, dove si affacciano tre importanti edifici: il “Belfort”, ossia la torre campanaria, alta 91 metri e impreziosita da un carillon con 52 campane, il Teatro e la Cattedrale di San Bavone ove è conservata una delle più importanti opere fiamminghe: l'Adorazione dell'Agnello Mistico dei fratelli Van Eyck.

Camminando ancora, potrete raggiungere il “Vrijdagmarkt” (Mercato del venerdì) al cui centro svetta la statua del "Saggio di Gand" ovvero Jacob Van Artevelde, uno dei più illustri personaggi che hanno abitato a Gand.

Per gli amanti dell’arte consiglio anche una visita al Museum voor Schone Kunsten, ove potrete ammirare opere di Bosch e Tintoretto, lo SMAK,  dedicato all’arte contemporanea ed il Design Museum Gent, allestito in un palazzo del ‘700. Personalmente ho trovato di grande interesse anche la “Werregarenstraat”, la via della street art, piena di graffiti e murales tra cui, impressionante, quello dedicato a Nelson Mandela.

Oltre alla street art, da non perdere anche lo street food della città! Ovunque troverete chioschi che servono il mastel, ossia pane alla cannella. Se potete, andate a Het Gravensteen, il quartiere medioevale, dove ci sono i più famosi muziekcafè che servono le migliori specialità locali, il tutto a ritmo di musica.

Giovane, elegante, romantica e dall’intenso fermento artistico e culturale, Gand è una meta ideale sia per un week end che per una vacanza più lunga: è una città che, seppur poco nota, mi ha affascinata, incantata e conquistata.
Potrebbero interessarti anche
A stretto contatto con la natura
Isole Svalbard

A stretto contatto con la natura

Avete mai provato il desiderio irrefrenabile di lasciarvi tutto alle spalle e cimentarvi...
La città magica
Piemonte, Torino

La città magica

E' nota in tutto il mondo per il suo passato storico di prima capitale italiana, per i suoi...
CERCHI UNA LOCATION PER LE TUE VACANZE CON GLI AMICI O CON LA FAMIGLIA?
CLICCA QUI...

CERCHI UNA LOCATION PER LE TUE VACANZE CON GLI AMICI O CON LA FAMIGLIA?

MONTOPOLI VAL D’ARNO è un caratteristico borgo fortificato, che venne definito...
vacanze.it utilizza i cookie per garantire una migliore esperienza sul sito. Continuando la navigazione, si acconsente all'utilizzo dei cookie. OK